Cosa e BlaBlaCar

Un fenomeno, il BlaBlaCar, che sta modificando il nostro modo di viaggiare, sempre grazie all’aiuto della rete, arriva un iniziativa, che nel giro di pochi anni ha raggiunto molti utenti, e molti altri hanno già usufruito del servizio. Si tratta di un metodo di trasporto molto innovativo, permette di viaggiare brevi e lunghe distanze, insieme ad altre persone, in modo tale da spendere di meno per il viaggio. Per prima cosa, si tratta di un progetto nato sotto forma di piattaforma online, in Germania, chiamato carpooling e permette di creare dei profili con gli utenti della rete, nella quale il proprietario della macchina inserisce la necessità di co-passeggeri, ed altrettanto faranno i passeggeri, riuscendo ad ammortizzare le spese del viaggio, e questo è il motivo dell’esistenza del caropooling, dal 2006 ad oggi, ne sono nate altre di piattaforme di questo tipo, è da qualche tempo si stanno organizzando, al fine di diventare un coro unico, in grado di aiutare sempre più persone che cercano di fare viaggi in macchina spendendo poco.

Questa iniziativa è già molto attiva in ben diciotto paesi in Europa, e tra poco tempo, non solo l’Europa, ma anche il resto del mondo potrà beneficiare di questo modo di viaggiare sicuro ed economico. Sicuro perché i profili sono sicuri e controllati, le persone lasciano più commenti dopo il viaggio, e si tratta di un servizio creato per alleggerire lunghi o brevi tratti da soli, riuscendo a risparmiare sulla spesa del viaggio. Una volta che il viaggio sarà terminato, il proprietario del veicolo e i passeggeri lasceranno feedback a vicenda sull’esperienza, in maniera tale da verificare gli utenti, anche perché i feddbacka sono sempre molto apprezzati. Grazie a questo modo alternativo di viaggiare, sarà inoltre possibile contribuire a diminuire l’inquinamento delle auto, si risparmia viaggiando insieme.

E ovviamente non c’è da togliere una parte importante del servizio, la socialità, il fatto di conoscere altre persone e di fare un viaggio in totale tranquillità, sapendo di spendere meno e inquiniate di meno, una idea che ha le sue buone ragioni, per continuare ad espandersi. Sembra che grazie a questa e molte altre iniziative di questo tipo, stiamo ritornando ad un concetto fondamentale della vita, la condivisione, una parte essenziale, che la frenesia del mondo ci fa spesso dimenticare, ma sembra che le notizie stiano preannunciando il ritorno a questo e altre condivisioni.

Perché funziona?

Le motivazioni che spingono le persone a scegliere questi viaggi sono moltissime, e come detto prima, una buona componente è sicuramente quella economica, ma poi ci sono gli aspetti che non sai, forse in uno di questi viaggi incontrerai il tuo prossimo amico, o semplicemente viaggerai con altra gente in maniera molto piacevole, discutendo del più o del meno, passando il tempo con qualcuno, che sta andando dove vai tu, e forse il fatto di non sapere su queste persone rende l’esperienza ancora migliore, senza nulla togliere al fatto che in fin dei conti, siamo animali sociali, ed è quindi giusto un ritorno alle origini, in un certo senso.